Protesi acustiche Trento - Zelger

Utilità delle protesi acustiche Trento

Una protesi acustica non è unicamente un dispositivo che consente di amplificare i suoni, ma anche e soprattutto un perfezionato strumento di comunicazione che si sostituisce in parte alla funzionalità dell'apparato uditivo in persone portatrici di ipoacusia.

Un apparecchio di questo genere è costituito da varie parti comprendenti uno o più microfoni, un amplificatore, un altoparlante e un chip elettronico oltre alla batteria d'alimentazione.

Il suo funzionamento dipende dal chip, il cui meccanismo viene regolato da un tecnico professionista dell'apparato auricolare che, basandosi sulla propria esperienza, è in grado di impostare la protesi a seconda della differente tipologia di deficit.

Migliore è la qualità dell'apparecchio e più naturale diventa l'esperienza dell'ascolto di cui il paziente può usufruire.

I modelli più perfezionati possiedono poi una vasta gamma di opzioni, tra cui la possibilità di connettersi a una serie di dispositivi (tra cui lo smartphone) sfruttando la modalità wireless.

Per avere la certezza di poter disporre di protesi acustiche rispondenti a elevati standard qualitativi è necessario rivolgersi a strutture affidabili e specializzate in questo settore, come Zelger, una ditta che, basandosi su un'esperienza pluriennale, si occupa di tutte le problematiche relative all'udito.

Utilità delle protesi acustiche Trento

L'utilità derivante dall'impiego delle protesi acustiche dipende dall'evoluta tecnologia di cui possono disporre e che li rende simili a dei piccoli computer di pochi millimetri.

I suoni captati dall'ambiente esterno mediante i microfoni vengono amplificati ed elaborati digitalmente dal microchip, un piccolo micro-processore che li trasmette alla membrana timpanica.

Uno dei principali requisiti di questi dispositivi è quello di selezionare le differenti stimolazioni acustiche che non sono amplificate in modo uniforme, ma secondo specifiche regolazioni.

Ad esempio le conversazioni presuppongono un volume differente rispetto al tono della televisione oppure del brusio di sottofondo o anche del traffico stradale.

Introdurre nella dimensione dei suoni una persona affetta da ipoacusia il più delle volte richiede un periodo di adattamento euna notevole gradualità.

Quando servirsi delle protesi acustiche Trento

Prima di intervenire con un aiuto protesico è necessario effettuare numerosi test di prova che utilizzano stimolazioni sonore progressivamente più intense per saggiare le reali condizioni dell'apparato acustico.

Per raggiungere il miglior risultato è indispensabile servirsi di sofisticati software che basandosi sui dati audiologici del soggetto, sono in grado di elaborare le indicazioni per realizzare la protesi acustica più indicata.

Bisogna comunque tenere conto che può essere necessario un periodo di adattamento all'apparecchio acustico che varia da persona a persona, durante il quale l'utente si abitua progressivamente ai suoi dispositivi uditivi.

Oggi sono disponibili soluzioni adeguate e personalizzabili ai deficit uditivi della prima infanzia, sia negli adulti e soprattutto anziani, affetti da presbiacusia.