Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

Una persona su nove ha problemi di udito

Secondo i calcoli attuali, l'11,1% della popolazione europea o 58,5 milioni di europei hanno problemi di udito. Le proiezioni si basano sui dati degli ultimi studi EuroTrak che sono stati condotti in vari paesi europei.
Gli studi EuroTrak sono condotti per conto dell'Associazione europea dei produttori di apparecchi acustici (EHIMA) ed esaminano la prevalenza della perdita dell'udito e il suo trattamento in Europa. Sulla base degli studi EuroTrak di undici paesi europei negli ultimi quattro anni, EHIMA ha effettuato una valutazione delle persone affette da ipoacusia. All'indagine hanno preso parte complessivamente 158.180 persone. 14.306 degli intervistati hanno affermato di avere problemi uditivi in quei paesi in cui la percentuale di 65enni e oltre rappresenta il 20% della popolazione. Si tratta di 6,5 milioni in più rispetto al rapporto EHIMA del 2016.

Confermata la correlazione tra età e ipoacusia
Per la stima sono anche stati presi in considerazione i dati EuroStat del 2019 sulla popolazione di età pari o superiore a 65 anni, constatando una relazione diretta tra l'età della popolazione e la perdita dell'udito auto-dichiarata negli studi EuroTrak. Maggiore è la percentuale della popolazione dai 65 anni in su, maggiore è la percentuale della popolazione con problemi di udito. L'Italia è quindi il Paese europeo con la più alta percentuale di popolazione over 65 (23,1%) ed è seconda per il numero di persone con problemi di udito (12,2%). L'Irlanda è in coda con un tasso di perdita dell'udito auto-dichiarata del 7,6% e il 14,5% della popolazione di età pari o superiore a 65 anni.

Il medico è il primo interlocutore
Gli studi dimostrano anche il percorso che le persone con ipoacusia stanno intraprendendo dopo aver preso coscienza dei propri problemi uditivi. Il 75% delle persone interessate ha consultato un medico, di solito il proprio medico di famiglia o uno specialista ORL. Di questi, il 70% è stato classificato come candidato alla protesi acustica da professionisti sanitari e indirizzato all'audioprotesista. Il 73% dei pazienti indirizzati a professionisti dell'udito si è avvalso degli apparecchi acustici.

Gli apparecchi acustici non scompaiono più nel cassetto
Il 96% dei portatori di apparecchi acustici intervistati ha affermato di aver riscontrato un miglioramento della qualità della vita con i propri dispositivi. In questa ottica si può vedere anche l’uso più frequente dei sistemi uditivi. Secondo gli 11 studi EuroTrak, solo una media del 6% degli utenti di apparecchi acustici non li utilizza. Al contrario, gli apparecchi acustici vengono indossati per una media di 8,4 ore al giorno da chi li porta.
 
Prova i nuovi apparecchi!
Vieni da noi a provare gratuitamente gli apparecchi acustici che fanno per te!
 
Il tuo centro più vicino
 
 
 
 
 
Share on:
 
 
 

Possono interessarti anche:

 

Finalmente Chivasso sente meglio!

A gestire il nuovo Zelger Center Chivasso è Loris Buda, che ha curato i clienti Zelger a Verona per anni. Ora è tornato a ...
 
 
 
Vai alla lista