Massima attenzione per le orecchie dei piccoli

La cura dei bambini audiolesi richiede una cooperazione ottimale tra i professionisti coinvolti. Lo scambio interdisciplinare è stato al centro di una conferenza online in cui sono stati affrontati importanti aspetti della cura e presentate le innovazioni tecnologiche.
Idealmente, medici otorinolaringoiatri, audiologi, logopedisti, audiometristi, psicologi, genitori e scuole lavorano insieme nella cura di bambini e adolescenti audiolesi. Soprattutto con i neonati e i bambini piccoli, la cura va oltre la compensazione della perdita uditiva: la corretta pronuncia, la comunicazione e l'integrazione sociale, ma anche l'accettazione e la gestione della perdita uditiva sono aspetti importanti che dovrebbero essere considerati nel team interdisciplinare. In un incontro online per professionisti medico-audiologici organizzato dal Servizio specializzato per gli audiolesi il 30 aprile 2021, questi argomenti sono stati ampiamente discussi. Erano presenti Roland Zelger e Daniele Tregnaghi di Zelger esperti dell'udito che hanno presentato le innovazioni tecnologiche nelle moderne soluzioni uditive. I medici otorinolaringoiatri hanno spiegato i requisiti per la protesizzazione dei bambini ipoacusici.

Quale protesizzazione e quando?
Come hanno spiegato i medici, la perdita dell'udito può ora essere rilevata e curata in una fase precoce grazie allo screening dell'udito neonatale, che è incluso nel passaporto della madre. La perdita dell'udito nei neonati è al 50% genetica e al 50% dovuta a infezioni pre o post-natali. Il tipo e il grado di perdita uditiva determinano quale percorso intraprendere. La perdita uditiva conduttiva, che si verifica anche nei bambini e colpisce l'orecchio esterno o medio, è di solito temporanea e può essere corretta con farmaci o chirurgia. Questo non è il caso dell'ipoacusia neurosensoriale, in cui la funzione della coclea o la via uditiva al cervello è danneggiata in modo permanente. Questa forma di perdita dell'udito esiste di solito dalla nascita e non può essere trattata né con i farmaci né con la chirurgia. Tuttavia, la maggior parte dei bambini interessati può essere aiutata con apparecchi acustici, che sfruttano anche l'eventuale udito residuo. Nei casi di ipoacusia molto grave, sordità o se ci sono indicazioni mediche, si considerano gli impianti cocleari o gli apparecchi a conduzione ossea, che vengono inseriti una volta che il bambino ha raggiunto una certa densità ossea. Dove appropriato, il bambino sarà supportato con un'appropriata riabilitazione logopedica.

Prima è meglio è
Se per il bambino è indicato la protesizzazione con apparecchi acustici, questa dovrebbe avvenire il più presto possibile, idealmente entro il sesto mese di vita, hanno sottolineato i medici. Questo perché è estremamente importante per lo sviluppo del bambino che il cervello riceva sufficienti stimoli uditivi. Solo in questo modo si possono sviluppare le funzioni uditive, il linguaggio, le capacità emotive e sociali. Più parole e conversazioni un bambino può "sentire insieme", più i percorsi neurali, il vocabolario e il rendimento scolastico saranno migliorati. Entro i 9 mesi, un bambino dovrebbe capire parole semplici e, entro un anno, essere in grado di pronunciarle. Dall'età di un anno e mezzo, può interpretare e pronunciare brevi frasi. A due anni, il bambino dovrebbe essere in grado di usare parole in brevi frasi. All'età di sei anni, il normale sviluppo del linguaggio è solitamente completo: Il bambino può pronunciare correttamente tutti i suoni, formare frasi con una grammatica semplice ed esprimere desideri e sentimenti. I genitori possono prestare attenzione al fatto che lo sviluppo del linguaggio del loro bambino avvenga entro questi parametri. Anche se il bambino supera lo screening dell'udito dopo la nascita, la perdita dell'udito può svilupparsi negli anni successivi. Se c'è il minimo dubbio, questo deve assolutamente essere chiarito da un pediatra o uno specialista. Infatti, anche una lieve perdita uditiva può compromettere la capacità di sentire e imparare, e la perdita uditiva unilaterale in particolare spesso non è facile da rilevare.

Apparecchi acustici per bambini
Roland Zelger ha parlato della cura dei bambini con perdita uditiva unilaterale. Ha presentato i sistemi acustici Cros e BiCros, una tecnologia sofisticata che permette l'ascolto binaurale per gli utenti con sordità unilaterale. Zelger ha sottolineato che l'adattamento degli apparecchi acustici richiede esperienza e sensibilità e deve prendere in considerazione le diverse esigenze e gli ambienti di ascolto dei bambini. Per i bambini fino a 14 anni di età, si usano in genere apparecchi acustici retroauricolari robusti con accessori specifici per i bambini e chiocciole colorate che piacciono al bambino. Le opzioni di connettività wireless per il collegamento con smartphone e altri accessori elettronici offrono ai bambini e ai ragazzi più grandi la possibilità di connettersi al mondo multimediale. Sono utili anche i sistemi di registrazione dei dati integrati negli apparecchi acustici. Forniscono ai genitori, agli educatori e al personale di riabilitazione informazioni sul comportamento del bambino e sull'ambiente di ascolto. I bambini e gli adolescenti con problemi di udito possono ricevere un supporto aggiuntivo in classe attraverso l'uso di accessori speciali per gli apparecchi acustici. Queste soluzioni includono i sistemi Roger che sono stati presentati da Daniele Tregnaghi, responsabile scientifico di Zelger.

Dopo le presentazioni, i partecipanti hanno potuto fare domande sulle caratteristiche tecnologiche delle soluzioni uditive e su come vengono utilizzate nella pratica quotidiana. È nato il desiderio di continuare a promuovere lo scambio interdisciplinare sotto forma di questi incontri online in futuro, al fine di garantire le migliori cure e trattamenti per i bambini e gli adolescenti audiolesi. La fornitura dei più moderni apparecchi acustici, se necessario con accessori collegati per i più diversi campi di applicazione, è ora ben regolata dal servizio sanitario nazionale, in modo che le persone interessate sperimentino anche un buon supporto finanziario.
 
Vieni con il tuo bambino da noi!
 
Contattaci per maggiori info
 
 
 
 
 
Share on:
 
 
 

Possono interessarti anche:

 

“L’avessi fatto prima…!”

Tra un paio di mesi Antonio compie 90 anni. Un compleanno che grazie al suo apparecchio acustico potrà festeggiarlo come si ...
 
 
 

Finalmente Legnago sente meglio!

Ora i nostri esperti dell'udito sono presenti anche a Legnago per essere ancora più vicini ai clienti della Bassa Veronese! ...
 
 
 
Vai alla lista