Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

Gli apparecchi acusitici aiutano: campagna nazionale

Anifa ha lanciato una campagna di informazione e sensibilizzazione sui problemi uditivi. Proprio per contrastare questa forma di isolamento e permettere anche a chi ha problemi di udito, di interagire e godere appieno della compagnia dei propri cari e degli amici, vicini o lontani.
Sono per lo più over 65 e rappresentano il 12,1% della popolazione italiana le persone con problemi di udito che in questo periodo di emergenza per il Coronavirus hanno dovuto far fronte ad un altro tipo di isolamento, quello acustico, facendo i conti con la gestione del distanziamento sociale. Si va dalle difficoltà a percepire le voci sussurrate che riguarda il 45,5%, che indica che questo accade a volte (32,3%) o frequentemente (13,2%), alla necessità di chiedere alle persone di ripetere ciò che hanno detto (54,7%) fino alla difficoltà di sentire i programmi alla TV o alla radio (26,9%).

Secondo Anifa, l’associazione di Confindustria Dispositivi Medici, che rappresenta le aziende che producono e commercializzano dispositivi medici per l’udito, si può stimare che nel 2025 il numero di persone con un calo uditivo autodiagnosticato saranno 8 milioni e che diventeranno tra i 10 e gli 11 milioni nel 2050. Si tratta infatti di patologie destinate a crescere alla luce dell’invecchiamento della popolazione ma non solo. L’incremento maggiore si riscontra tra il 2012 e il 2018, oltre che nella classe degli ultraottantenni, nella classe d’età di età intermedia (dai 46 ai 60 anni), che rappresenta quella più esposta ai rischi di tipo ambientale (+9,8% contro il +7,7%) .

“Le imprese Anifa sono impegnate per ridurre le conseguenze derivate dall’ipoacusia attraverso un investimento costante in ricerca e sviluppo (che dal 2010 al 2017 è aumentato del 74%) per apparecchi sempre meno invasivi e maggiormente personalizzati, capaci di colmare il gap uditivo in maniera sempre più naturale. Stiamo ora lanciando una campagna di informazione per aiutare tutte le persone con ipoacusia", dichiara Sandro Lombardi, presidente Anifa.

La campagna vuole mettere in risalto i temi legati al mondo dell’ipoacusia e dei problemi uditivi. Una volta a settimana vengono lanciate delle infografiche sul valore sociale degli apparecchi acustici che saranno diffuse sia a mezzo stampa generalista che online attraverso i diversi canali social.

Qui sotto la prima infografica sull'ipoacusia in Italia.
 
Controlliamo il tuo udito!
Il test è gratuito e dura solo pochi minuti!
 
Lo Zelger Center più vicino
 
 
 
 
 
Share on:
 
 
 

Possono interessarti anche:

 
Vai alla lista