Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

Apparecchi per godersi meglio la musica

Ascoltare musica o suonare regolarmente aiuta a prevenire la demenza. Il ballo e la musica hanno dimostrato di esercitare un effetto positivo sull’efficienza mentale delle persone, con o senza problemi di udito.
Ballare è molto più che semplice movimento fisico. Secondo recenti scoperte, esiste un nesso tra la complessità dei passi di danza e l’impegno mentale richiesto a chi balla. Imparare le combinazioni dei passi e le sequenze delle figure, sempre seguendo il ritmo della musica, comporta l’invio di nuovi stimoli al cervello. I ricercatori che studiano la demenza ritengono addirittura che il nesso tra le funzioni motorie e i processi intellettivi e mnemonici che si stabilisce quando si balla sia un elemento importante per prevenire la perdita delle capacità mentali. 

Musica per l’anima
La musica è il naturale prerequisito per ballare, solitamente accompagna il ballerino che ne percepisce con l’udito il suono e il ritmo. Non stupisce dunque che alla musica si attribuisca un effetto positivo sul raziocinio analogo a quello esercitato dal ballo. Esistono studi i quali affermano che fare musica modifica le strutture cerebrali in misura tale che chi suona può ritardare un’eventuale demenza. Ma una condizione essenziale per ascoltare e fare musica è il possesso di un buon udito. Chi soffre di problemi d’udito dovrebbe pertanto considerare di munirsi per tempo di apparecchi acustici, tenendo conto che ascoltare musica e muoversi a tempo di musica mantengono lo spirito giovane. 

Apparecchi acustici per godersi meglio la musica
Gli apparecchi acustici non compromettono in alcun modo l’ascolto della musica. Al contrario, alcuni ausili dispongono persino di specifici programmi musicali che possono essere regolati in base alle preferenze personali di chi li indossa. L’audioprotesista può anche intervenire su alcune impostazioni degli apparecchi che portano in primo piano i diversi aspetti del suono e quindi vanno a beneficio dell’ascolto musicale. Gli apparecchi acustici moderni possono inoltre essere collegati, senza fili tramite Bluetooth e via radio, con l’impianto stereo o altre sorgenti audio e funzionano quindi come cuffie completamente automatiche. I portatori di apparecchi acustici non devono quindi assolutamente rinunciare ad ascoltare musica, fare musica o ballare.
 
 
 
 
Apparecchi acustici per godersi la musica
 
Share on:
 
 
 

Possono interessarti anche:

 
Vai alla lista