Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

Anche noi riusciamo a “rizzare le orecchie”

È noto che cani e gatti possono rizzare le loro orecchie. Ora i ricercatori hanno scoperto che anche noi umani siamo in grado di muovere le nostre orecchie in direzione di suoni interessanti.
Il minimo fruscio o crepitio è sufficiente: in un lampo, le orecchie di cani o gatti, ad esempio, sono dirette verso il rumore apparente. Anche alcune specie di scimmie possono rizzare le loro orecchie.

Finora, la scienza ha ipotizzato che gli umani non abbiano mai avuto questa capacità o l'hanno completamente persa nel corso dell'evoluzione. I ricercatori dell’Università del Saarland hanno ora pubblicato uno studio che rileva che le persone girano le orecchie inconsciamente nella direzione dei suoni evidenti. Tuttavia, i movimenti dell'orecchio sono minimi e praticamente non rilevabili.

A seconda del tipo di stimolo, i ricercatori hanno registrato leggerissimi movimenti verso l'alto dell'orecchio o movimenti di differente intensità all'indietro del bordo laterale del padiglione auricolare. I muscoli intorno all'orecchio diventano attivi non appena "vengono percepiti stimoli nuovi, cospicui o pertinenti al compito", hanno dimostrato i ricercatori del "Neuroscience & Neurotechnology Unit" (SNNU) sotto la direzione dell'istituto, il prof. Daniel Strauss. "L'attività elettrica dei muscoli dell'orecchio riflette la direzione in cui le persone focalizzano la loro attenzione durante l'ascolto", afferma il neuroscienziato e scienziato informatico.

Gli umani probabilmente hanno mantenuto un sistema di orientamento che cerca di controllare il movimento dei padiglioni auricolari, ha affermato il professor Strauss. Il neuroscienziato ritiene che l'abilità che ora è stata scoperta sia una specie di "fossile neurale" che persiste nel cervello umano per circa 25 milioni di anni.

Tuttavia, non è chiaro perché l'allineamento delle orecchie nella catena dei primati sia stato in gran parte perso, afferma Strauss.

Per approfondimenti sullo studio (in lingua inglese)
 
 
 
 
Share on:
 
 
 

Possono interessarti anche:

 

Siamo qui per Lei!

I nostri Zelger Center e recapiti Zelger sono aperti nel consueto orario di apertura! Avrà da noi un'esperienza serena e ...
 
 
 

Sentire [R]

Sentire è ora più comodo che mai. I nuovi apparecchi acustici ti stupiranno per il suono naturale e riscoprirai il piacere ...
 
 
 
Vai alla lista