Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

PROTEGGERSI DAL RUMORE

I volumi alti possono danneggiare l‘udito?
Certamente! Il rumore impulsivo, caratterizzato da impulsi sonori di breve durata dell’elevata intensità sonora come un colpo di fucile, può provocare problemi d’udito. Quanto più persiste e più è intensa l’esposizione al rumore, tanto maggiore è il rischio di danni permanenti all‘udito. Un fenomeno che riguarda sia determinate professioni, p.es. nell’edilizia, nell’industria meccanica, nella lavorazione del legno, nelle tipografie, ma anche chi lavora in ambienti in cui si trasmette musica ad alto volume, è particolarmente a rischio di soffrire di ipoacusia da rumore.

Quanto rumore fa male?
Il valore soglia al di sopra del quale in caso di lunga esposizione al rumore può insorgere un’ipoacusia da rumore, è pari a 80 dB(A), corrispondente al rumore prodotto da una sega circolare. Nel caso in cui sul posto di lavoro tale livello venga raggiunto o superato, la legge obbliga il datore di lavoro a mettere a disposizione dei dipendenti un’idonea protezione dell’udito.

Quali sono i segnali dell’ipoacusia da rumore?
Di regola l’ipoacusia da rumore si sviluppa subdolamente nel corso degli anni. A causa della costante esposizione al rumore, l’ossigenazione delle cellule ciliate dell’orecchio è compromessa e queste cellule muoiono. In caso di persistente e intensa esposizione al rumore va perduto un numero sempre maggiore di cellule ciliate. Ne risulta una perdita d’udito permanente, che riguarda spesso specifiche frequenze, per cui la persona che ne è colpita non ne è effettivamente consapevole. Il più delle volte è preservata la capacità di sentire suoni e rumori, ma è compromessa la comprensione del parlato, soprattutto in presenza di rumori di fondo. La difficoltà di seguire un colloquio o una conferenza può quindi essere il segnale di un‘incipiente perdita d‘udito, come il venir meno della capacità di localizzazione, necessaria per individuare la posizione delle persone o la provenienza di un rumore. Spesso all‘ipoacusia da rumore si accompagnano anche acufeni (tinnito).

Come posso prevenire all'ipoacusia da rumore?
La cosa migliore sarebbe evitare il rumore in ogni sua forma. Ma questo non è sempre possibile, come nel caso del lavoro. Chi è esposto durevolmente a forti rumori dovrebbe indossare assolutamente una protezione adeguata che è raccomandabile anche per gli abituali frequentatori di feste e discoteche, i disc-jockey e i musicisti di professione o per passione. Gli otoprotettori personalizzati dal tecnico audioprotesista proteggono il nostro udito con particolare efficacia. Viene rilevata un’impronta del condotto uditivo, dopo di che i tappi in silicone vengono prodotti su misura in laboratorio, tenendo conto delle esigenze specifiche e delle condizioni ambientali in cui saranno usati. Il grado di attenuazione del rumore può essere regolato in base all’ambiente di utilizzo. Perciò i tappi realizzati dagli audioprotesisti si adattano a tutti i campi d‘impiego.
 
 
Torna all'elenco