Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

La musica dà felicità

Molte persone, anche quelle meno amanti della musica, subiscono il fascino dei canti di Natale, che li introducono nell’atmosfera di festa. Ma perché proprio quelle melodie risvegliano in noi sentimenti di gioia?
Tutti gli anni ritornano… le feste di Natale. E quindi le melodie natalizie, che alla radio, nei negozi, cantando in chiesa o in famiglia, ci fanno entrare nell’atmosfera delle feste. Questi ‘preludi’ musicali diffondono in molti di noi una sensazione interiore di benessere. Ma com’è possibile che la musica
eserciti un tale effetto su di noi?

I sentimenti risuonano
Alcuni studi hanno dimostrato che ascoltare musica altera il battito cardiaco, la pressione sanguigna, la frequenza respiratoria e il tono muscolare degli uomini. Le sonorità gradevoli influiscono anche sul sistema limbico cerebrale, che in risposta rilascia dopamina, un neurotrasmettitore. Quanto più la musica ci piace, tanti più neurotrasmettitori sono rilasciati dal nostro cervello e tanta più dopamina fluisce nel corpo donando benessere e contentezza. Inoltre ascoltando musica si provano sensazioni legate alle proprie esperienze personali. Così, i canti di Natale risvegliano sensazioni provate magari tanto tempo fa, da bambini e in famiglia.

L’orecchio è la porta delle emozioni
Il periodo natalizio è ideale per vivere con la famiglia e gli amici momenti di autentica armonia cantando, suonando o ascoltando musica insieme. A tale proposito, però, talora si dimentica che solo un buon udito crea le condizioni ideali per godere appieno della musica festosa e delle piacevoli conversazioni con i propri familiari. Infatti, l’orecchio è la porta delle nostre sensazioni. Ma è proprio in queste occasioni che spesso ci si rende conto che un familiare soffre di problemi di udito o di comprensione. Il modo migliore per aiutarlo consiste nell’incoraggiarlo a fare qualcosa per contrastare la perdita d’udito e a recarsi, magari una volta terminate le festività, dallo specialista o dall‘audioprotesista. Riacquistare un buon udito può davvero dare gioia anche agli amanti della musica.
 
 
 
Torna all'elenco