Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

"La mia vita ora è completamente cambiata"

Chi voleva andare a trovare Rita Filomena qualche tempo fa, doveva bussare con insistenza sulla finestra perché gli venisse aperto. La signora, oggi 63enne, non sentiva infatti il campanello. Ma questo era solo uno dei problemi quotidiani che Rita soffriva a causa della sordità, e che alla fine l’hanno convinta a dotarsi di apparecchi acustici. Un passo verso una vita completamente diversa, come racconta lei stessa.
Lei è appena stata allo Zelger Center per farsi regolare gli apparecchi, come da programma. Come si trova con questi apparecchi?
Rita: Molto bene. Sono del tutto soddisfatta e non riesco nemmeno a immaginare come potrei tornare a vivere senza gli apparecchi. Tutto è semplicemente cambiato in positivo. Ho notato subito che questi apparecchi sono perfetti per me. Già nel periodo di prova li portavo per l’intera giornata e mi ci sono abituata in fretta. Ora non mi accorgo nemmeno di averli addosso. L’ideale sarebbe non doverli togliere nemmeno la sera. Ogni tanto capita che mi appisoli davanti alla TV e allora i miei preziosi congegni rimangono infilati nelle orecchie...

Lei soffre da molto tempo di problemi d’udito. Come mai si è infine decisa a portare degli apparecchi acustici?
Dalla pubblicità di Zelger esperti dell’udito ho appreso che gli apparecchi acustici si possono
portare per un periodo di prova di un mese, gratuitamente e senza impegno. È stata questa la molla che ha fatto scattare la decisione.

Come si è trovata nel periodo di prova degli apparecchi?
Credo che portare per prova degli apparecchi acustici aiuti ad accantonare paure e pregiudizi. In ogni caso per me è stato così. Anche mia madre portava degli apparecchi acustici, che però non si possono nemmeno paragonare a quelli odierni. Erano molto più grandi, fischiavano e dovevano essere regolati a mano. Perciò la mia idea di apparecchi acustici era associata ad alcune riserve, che però ho definitivamente sciolto durante il periodo di prova. Ritengo molto positivo che si possano sperimentare personalmente le prestazioni degli apparecchi. Solo così si capisce la differenza con un mondo senza suoni.

Quali sono i suoni che le piace di più ascoltare con i suoi apparecchi?
Apprezzo molto le piccole cose quotidiane, come sentire il campanello di casa e non dover tenere il volume del televisore troppo alto. Ora mi riesce facile anche comprendere gli altri. Non devo più chiedere continuamente di ripetere o leggere le labbra per capire. Anche l’acufene di cui soffro da anni è ora meno intenso quando porto gli apparecchi. È semplicemente fantastico!

Se anche tu vuoi sentire di nuovo bene, contattaci!
 
 
 
 
Torna all'elenco