Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

In forma grazie a un buon udito

Le persone di ogni età dovrebbero fare regolarmente del moto. Infatti lo sport ci mantiene in forma e previene la comparsa dei segni tipici della vecchiaia. Chi porta apparecchi acustici pertanto non dovrebbe rinunciare al piacere del movimento fisico. Basta fare attenzione ad alcuni aspetti.
Oltre a una corretta alimentazione, alla rinuncia al fumo e alla moderazione nel consumo di alcol, il regolare esercizio fisico è indispensabile per invecchiare in salute. Molte discipline sportive si possono praticare senza alcun problema anche in età avanzata. Attività come il ciclismo, il nuoto, l’escursionismo o la ginnastica mantengono il corpo agile e sono un’occasione per allargare la propria rete di relazioni sociali. Il movimento fisico previene anche i sintomi della demenza. Gli studiosi nel campo della salute sono concordi nel ritenere che l’attività sportiva stimoli le cellule nervose cerebrali. La decisione di praticare sport e la frequenza con cui lo si fa dipende però anche dal nostro udito.

L’udito influenza le modalità di impiego del tempo libero
Un buon udito è fondamentale per la salute in generale e il benessere personale. Viceversa, problemi d’udito comportano spesso autoemarginazione e passività. Studi compiuti in materia dimostrano che le persone anziane con problem d’udito non curati sono meno attive dei normoudenti e soffrono più spesso di depressione. La tendenza ad affaticarsi sembra essere due volte più elevata per chi ha problemi d’udito rispetto a chi invece sente bene.

All’aumentare della stanchezza, però, viene meno anche la voglia di fare esercizio fisico e curare le relazioni sociali. Questo circolo vizioso si può spezzare: chi si avvale di apparecchi acustici si sente effettivamente più in forma e attivo di chi non ne fa uso e apprezza maggiormente la vita sociale. Nello studio “Hearing is living” del produttore di apparecchi acustici Phonak, realizzato su 4.335 persone con e senza problemi d’udito (portatori di apparecchi e non), oltre la metà degli intervistati ha ammesso di riuscire a godere nuovamente del proprio tempo libero senza limitazioni grazie all’uso di apparecchi acustici. A questo riguardo lo sport riveste un ruolo importante: circa il 30 per cento degli interpellati non portatori di apparecchi acustici ha affermato di avere l’impressione che portando questi ausili non si possa praticare sport. Più di uno su tre, però, si diverte di più a praticare sport da quando fa uso di apparecchi acustici e si dedica alla propria attività sportiva almeno una volta la settimana. Quindi nella maggior parte dei casi si tratta di superare mentalmente quella che è una limitazione percepita a livello soggettivo.

Apparecchi acustici per amanti dello sport
I moderni apparecchi acustici aiutano a vincere la svogliatezza. Consentono alle persone con problemi d’udito di sentire in modo ottimale praticando sport e ciò a sua volta aumenta il piacere di fare sport. In linea con tale affermazione, sette portatori di apparecchi acustici su dieci partecipanti allo studio “Hearing is living” confermano che per loro non è un problema praticare sport con gli apparecchi acustici. In effetti gli apparecchi moderni sono in gran parte robusti e adatti a chi fa attività sportiva. Sono resistenti all’acqua, al sudore e alla polvere e possono essere indossati per praticare molte discipline sportive. Chi ama fare sport o dedicarsi ad attività outdoor dovrebbe però parlarne con il proprio audioprotesista, che così potrà consigliare gli apparecchi più adatti e regolarli in base alle preferenze di ognuno.

Attenzione alla classe IP
L’audioprotesista potrà consigliare un modello con classe di protezione IP elevata, che possiede un guscio particolarmente robusto e dispone di un programma specific per la riduzione del rumore prodotto dal vento. In questo modo anche in presenza di vento sarà garantito un ascolto ottimale e i delicati component elettronici saranno adeguatamente protetti anche svolgendo attività che fanno sudare molto. Solo per praticare nuoto e altri sport acquatici, che possono comportare la penetrazione di considerevoli quantità d’acqua nell‘orecchio, gli apparecchi devono essere tolti.

Contatta il centro Zelger più vicino a te!
 
 
 
Torna all'elenco