Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

Alle orecchie non piace il chiasso

Chi ama festeggiare rumorosamente a San Silvestro, dovrebbe prima pensare al proprio udito. Il rumore impulsivo può essere causa di un grave shock sulle nostre orecchie.
Per molti i fuochi d’artificio sono il momento clou della notte di San Silvestro. Ma ciò che dovrebbe servire a scacciare i demoni può danneggiare permanentemente l’udito. Infatti, il rumore impulsivo intenso dei mortaretti che esplodono supera nettamente la soglia del dolore. A seconda della distanza dal punto dell’esplosione, il volume può superare il livello di pressione acustica di un martello pneumatico e persino il rumore di un reattore al decollo. Dato però che l’esplosione di petardi ha una durata breve, a livello soggettivo non se ne percepisce il reale volume. Molti sottovalutano perciò il rischio: già un solo botto può essere sufficiente a causare un trauma acustico.

I tappi aiutano
Una semplice misura preventiva consiste nel mantenersi a debita distanza dai mortaretti che esplodono. Inoltre i tappi per le orecchie realizzati su misura dall’audioprotesista proteggono adeguatamente l’orecchio. Attutiscono il rumore nocivo abbassandolo a un livello tollerabile e sono confortevoli da indossare grazie alla loro forma adattata. Non di rado chi festeggia fa esplodere a sorpresa i propri botti. Già per questo motivo chi semplicemente assiste allo spettacolo dovrebbe
portare tappi per le orecchie che proteggano con efficacia. Passato Capodanno, i tappi possono essere riutilizzati in diverse attività ricreative.

Zelger esperti dell’udito è a tua disposizione per informazioni sui dispositivi di protezione dell’udito.
 
 
 
 
Torna all'elenco